Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

NYPD Vs Quentin Tarantino

Un bel problema per il nuovo film di Quentin Tarantino, "The Hateful Eight", atteso per Natale: i rappresentanti delle forze dell’ordine di New York hanno invitato i cittadini a boicottare la pellicola, in attesa delle pubbliche scuse da parte del regista. Il NYPD non avrebbe gradito alcune dichiarazioni di Tarantino il quale, durante una manifestazione di protesta contro le violenze della polizia, avrebbe definito “assassini” i tutori dell'ordine della Grande Mela.

Persino il New York Post ha richiesto le scuse del regista, pubblicando in copertina il suo invito: “Dillo e basta Quentin. Dillo che ti dispiace”. Tarantino affida la sua replica alle pagine del Los Angeles Times: “Non ho mai detto che tutti i poliziotti sono assassini. Non l'ho nemmeno mai insinuato. Quello che stanno facendo è abbastanza evidente: invece di contrastare gli episodi di brutalità di cui la polizia si è resa colpevole, invece di esaminare il problema della violenza della polizia in questo Paese, stanno cercando di demonizzarmi. Mi vogliono screditare e intimidire. Vogliono chiudermi la bocca e, cosa ancora più grave, vogliono inviare un chiaro messaggio a qualsiasi altra persona importante che potrebbe sentire il bisogno di unirsi in questa lotta”. Parte dell’opinione pubblica è peraltro schierata in favore di Tarantino, come l'attore premio Oscar Jamie Foxx, protagonista di Django Unchained, che ha espresso pubblicamente il suo appoggio al regista: “Continua a dire la verità e non preoccuparti dei tuoi nemici”. La pellicola boicottata, “The Hateful Eight”, ha seriamente rischiato di non uscire mai nelle sale cinematografiche, dopo che, nel gennaio del 2014, uno dei collaboratori rese pubblica la sceneggiatura del film, mandando su tutte le furie Tarantino, il quale dichiarò di voler abbandonare il progetto. Non è mai stata fatta chiarezza sull’autore del tradimento, sebbene la cerchia dei sospetti fosse ristretta ai tre attori: Michael Madsen, Tim Roth e Bruce Dern. Tra i tre, in particolare, i sospetti ricaddero su Dern, il protagonista di "Nebraska".  Dopo lo sconforto iniziale, tuttavia, Tarantino pubblicò il copione trafugato e ne scrisse uno nuovo, grazie al quale "The Hateful Eight" potrà finalmente approdare sul grande schermo, nonostante le polemiche.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter