Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Torna "Le cronache di Narnia" con il reboot "La sedia d'argento"



Sono passati sei anni dalla trasposizione dell’ultimo capitolo della saga fantasy ispirata all’omonima serie di C.S. Lewis, Le Cronache di Narnia. Qualche giorno fa, il produttore del progetto de "La sedia d’argento", Mark Gordon, ha dichiarato che il nuovo capitolo non sarà un sequel, ma un reboot!
I fan de "Le cronache di Narnia" saranno contenti dell'imminente ritorno sul grande schermo della saga del loro cuore, ma le ultime notizie potrebbero non farli propriamente felici. 
'La sedia d'argento', quarto film tratto dai romanzi di C.W Lewis, segnerà infatti una sorta di nuovo inizio per la saga. 
Il produttore Mark Gordon annuncia: " Speriamo di completare il film a breve. Siamo molto eccitati a tal riguardo. Sarà un franchise del tutto nuovo, con nessuno dei vecchi protagonisti. Ci saranno tutti nuovi personaggi, un diverso regista e un team del tutto inedito". 
Possiamo quindi dire addio a Ben Barnes, Anna Popplewell, Georgie Henley e William Moseley: i nuovi personaggi, a quanto pare, verranno tutti dal mondo di Narnia che già conosciamo, ma in merito alla data di uscita della pellicola, non si hanno ancora notizie.
 
 
 
CURIOSITA'
 
Cos'è un reboot? Perché si fa?
"Reboot", che letteralmente vuol dire "Riavviare" indica una procedura che vede una casa di produzione prendere una sua proprietà intellettuale, con già un po' di storia alle spalle per ottenere una nuova serie di film, che però - ignora totalmente tutto quello che c'è stato prima - mantenendo solo alcuni elementi. 
Un esempio?
Quindi, potrebbe accadere che una cugina malata che era nel vecchio film deceduta, esisti ancora...
Perché si fa questa mossa? Perché cancellare una proprietà che magari nel passato ha avuto successo?
Tutta una questione di audience e di seguaci della serie!  Guadagno maggiore e meno problemi nel riformulare una sceneggiatura. 
Insomma, per farla breve, il lavoro che c'è dietro il nuovo film sarà più semplice!
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter