Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Tre curiosità sul film "Independence day: rigenerazione"



Qualcuno ricorda il primo "Independence day" con Will Smith? Ecco, questo sequel non c'entra nulla! Pronti a immergervi in un altro capitolo post apocalittico senza i vecchi personaggi. Ma diamo un'occhiata a tre curiosità del film che ci aspetta in sala in questi giorni di un piovoso settembre italiano. Leggiamole insieme:
 
1) Mancherà Hiller: Will Smith voleva troppi soldi ed è stato eliminato!
Per spiegare l'assenza del personaggio di Will Smith, il Colonnello Steven Hiller, la produzione ha risposto nelle interviste che vi sono stati degli eventi, tra la fine del film del 1996 e l'inizio del secondo film, in cui non è stato possibile rinserire Smith. Mentre il noto attore non è stato inserito per un problema economico "voleva troppi soldi e la produzione non poteva permettersi quelle cifre!"
Come hanno cambiato la storia? Hiller è morto durante un test di pilotaggio sul primo caccia ibrido a tecnologia aliena, a causa di un guasto inspiegabile e così si mette la parola fine all'assenza di Will Smith nel cast.
Quanto aveva chiesto Smith? Ben 50 milioni di dollari!
 
2) La rinuncia di Susan Sarandon: «Sceneggiatura incomprensibile, non me la sento.»
Susan Sarandon ha rifiutato un ruolo di fondamentale importanza, quello della presidente Lanford, perché considerava lo script incomprensibile. «Quando l'ho letto non riuscivo a capire cosa stava accadendo. Semplicemente non lo coglievo. Seriamente non ci riuscivo».
Susan ha poi spiegato di aver saputo che molti membri del cast originale non sarebbero ritornati e di essere quindi giunta alla conclusione che non sarebbe stato un progetto per lei interessante e nenache di successo. Ha deciso di evitare la delusione a monte, senza neanche partecipare al cast.
 
3) Il seguito mai realizzato: le rivelazioni di Emmerich
Emmerich ha rivelato alcuni dettagli, «Eravamo poco dopo l'11 settembre e io e Dean volevamo fare un film sulla pace, ma non ci siamo riusciti. Rigenerazione contiene una piccola parte di quell'idea, ma è molto diverso da come lo avevamo pensato un tempo».
Nella vecchia sceneggiatura, ha detto, «gli alieni venivano colpiti accidentalmente e alla fine del film atterravano sulla Casa Bianca dicendo 'Veniamo in pace'. Era un'idea troppo debole, perciò l'abbiamo accantonata perché non aveva un'atmosfera in stile Independence Day. L'unica cosa che veniva distrutta era la nave aliena».
 
 
TRAMA
Dopo l'attacco sferrato dagli alieni nel 1996, l'umanità ha sempre saputo che sarebbero tornati. Grazie all'utilizzo di tecnologia aliena, le nazioni della terra si sono unite nel creare un programma di protezione globale, ma nulla ci potrà preparare ad un attacco alieno senza precedenti. Solo la genialità di un piccolo gruppo di uomini e donne salverà il mondo dell’estinzione.
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter