Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Snoop Dogg sceglie il Sesto Senso per girare il suo nuovo video



 

Dopo Paris Hilton, Bob Sinclair e compagnia, il Sesto Senso di Lonato ospita un altro grande appuntamento con il mondo dello star-system internazionale. Sabato prossimo (23 settembre), in occasione della festa di chiusura dell'estate 2017 (riapertura il 7 ottobre), nella disco-luxury di Lonato verrà girata una clip del nuovo video di Snoop Dogg (all'anagrafe Calvin Cordozar Broadus Jr), attore e rapper statunitense, una delle icone più celebri della street-music made in Usa.

Il principe del flou melodico, presentatore ufficiale del programma televisivo "Dogg After Dark" (la location delle grandi celebrità del mondo dello spettacolo e dell'intrattenimento a stelle e strisce), non sarà personalmente al Sesto Senso, ma per fare le sue veci è attesa una nutrita equipe di coreografi, tecnici del suono e comparse che dovranno registrare una parte importante del suo nuovo lavoro discografico.  

Snoop Dogg - che fra un mese compirà 46 anni - ha all'attivo 13 album, un sito con milioni di clic ed una fama di artista-gangster il cui nome, dall'aprile del 2016, figura nella WWE Hall of fame. Il rapper originario di Long Beach, che il grande pubblico ha apprezzato anche nel ruolo del "rasta fattone" in Scary Movie 5, ha scelto il Sesto Senso per girare il nucleo portante del suo nuovo video che, così come il recente "Coolaid", si annuncia un nuovo successo planetario. 

 

L'operazione Snoop Dogg è un nuovo "colpo grosso" di Patrick Dallamano, l'imprenditore che - in soli 15 mesi - è riuscito a riportare il Sesto Senso ai fasti di un tempo: "Sapevamo che questa nuova avventura imprenditoriale - spiega Dallamano - nascondeva tante incognite, per cui, almeno nel breve periodo, abbiamo preferito non farci illusioni. Io ed i miei soci, però, dopo aver investito tempo e risorse sul Garda, speravamo che il Sesto Senso potesse ripagarci degli sforzi fatti. Oggi, quindici mesi dopo il taglio del nastro, posso dire che le nostre aspettative sono state ampiamente superate, perché il Sesto Senso è tornato ad essere un brand consolidato nel mondo dell'entertainment, tant'è vero che molti ospiti di profilo internazionale ci chiamano per essere ospitati nel locale. Snoop Dogg, che è un nome di livello planetario, non è la prima e certamente non sarà l'ultima operazione di questo livello". 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter