Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Web. Flats2Share, presto on line la rivoluzionaria piattaforma per la gestione degli affitti agli studenti



Valencia, 28 luglio 2017 - A breve affittare e gestire gli affitti on line sarà più semplice e conveniente con Flats2Share, la nuova piattaforma per la gestione degli affitti agli studenti che in modo innovativo aiuterà i proprietari, i professionisti, le agenzie e le residenze con la gestione degli affitti.

"Con Flats2Share stiamo per rivoluzionare il modo di gestire gli affitti on line - spiegano Davide Baldaccini e Tamiris Carrasco ideatori della start-up - grazie ad una tecnologia innovativa che permetterà una serie di features ancora non presenti sul mercato digitale degli affitti".

Qualche anticipazione di queste features?
"L'aspetto più importante è che Flat2Share sarà disponibile come software completamente personalizzabile da parte delle aziende che gestiscono appartamenti. Inoltre, è noto che molti amici vogliono vivere insieme... La maggior parte delle piattaforme web danno la possibilità di trovare stanze doppie. Con noi potrai trovare stanze nello stesso appartamento o in appartamenti vicini! Un altro aspetto importante è che nessun sistema sul mercato attualmente offre l'opzione presente su Flats2Share che permette la configurazione e la copertura avanzate degli ingressi e delle uscite, che non sono all’inizio o alla fine del mese".



Una piattaforma universale?
"Le caratteristiche tecnologiche di Flats2Share sono all'avanguardia - sottolinea Baldaccini - e sono completamente adattabili a qualsiasi tipo di dispositivo: tablet, computer o mobile. Inoltre la piattaforma sarà disponibile in inglese, spagnolo, italiano, francese, tedesco, portoghese, cinese, russo, arabo e polacco".

Quando sarà on line?
"Ancora qualche giorno e Flats2Share sarà on line, ne vedremo delle belle!"

Flats2Share ha tutte le carte in regola per diventare un software globale dagli introiti milionari. Vedremo.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter