Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Layers of Fear: horror game d'inquietudine ed esplorazione



Layers of Fear: parola chiave PAURA ed ESPLORAZIONE, inquietudine e curiosità! 
Un horror game che approderà il 16 febbraio su PC, PlayStation 4 e Xbox One.
Un viaggio nelle paure del protagonista che si ritroverà a dover rivive incubi di ogni sorta, imprigionato in casa sua.
 
Si gioca in prima persona con una visuale che non rimane mai ferma grazie al costante movimento della testa del protagonista (disattivabile). Si è soli dentro una casa, al buio, e ci si ritrova ad esplorare ogni angolo dell'abitazione: mobili d'epoca, lampadari antichi, interruttori luminosi.
Ogni armadio, cassetto o mobile può essere aperto e ispezionato, con tanti oggetti osservabili più da vicino.
Buona parte della trama viene raccontata da indizi come ritagli di giornale o post it, attraverso queste informazioni, non facili da trovare in mezzo, ti faranno capire cos'ha portato il protagonista a perdere il senno tra tragedie, litigi, fallimenti e molto altro ancora.
Inizia il tutto con il protagonista che deve trovare le chiavi per il suo studio spingendo il giocatore ad esplorare a fondo la casa. Fin da subito si notano temi ricorrenti: i quadri inquietanti, gli specchi rotti o appannati che non permettono di vedere il proprio aspetto, bottiglie di alcool, lo scenario che si materializza davanti ai nostri occhi inizia ad avere un senso.
Oggetti o muri che si spostano o cambiano mentre il giocatore non sta guardando, porte che in un momento racchiudono una stanza e il momento dopo qualcosa di totalmente diverso, apparizioni misteriose... la situazione inizia a sfuggire di mano al protagonista. 
Con trucchi simili a P.T. e The Stanley Parable, infatti, il gioco inizia a creare situazioni materialmente impossibili che faranno dubitare della sanità mentale del personaggio, nonché del videogiocatore stesso. 
Attenzione! Ci sono numerosi eventi improvvisi pensati per spaventare violentemente lo spettatore!
 
 
CURIOSITA'
I quadri si mostrano inquietanti e possono creare un senso di disagio, ma più volte il loro contenuto muta in base agli eventi, spesso addirittura facendo materializzare i loro contenuti all'interno di qualche zona della casa. L'edificio stesso sembra seguire regole tutte sue: la sua forma può cambiare, la disposizione delle stanze stavolgersi e quando ci si ritrova in posti già incontrati non è mai niente com'era l'ultima volta. Il punto centrale è comunque lo studio del pittore, dove c'è la tela di un lavoro incompiuto, nonché modelli di ogni tipo (bambole soprattutto), attrezzi da lavoro e molto altro ancora. Questa stanza è dove ci si ritroverà più spesso nel corso dell'avventura, e la spirale di pazzia in cui il protagonista si va ad infilare la si può osservare benissimo in questo luogo, vedendo come ogni passaggio lì sia più cupo, bizzarro e inquietante del precedente.
 
Cosa dire? Un horror psichedelico! Un videogioco da provare se hai il sangue freddo! 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter